fbpx skip to Main Content

Create il vostro viaggio su misura decidendo in modo autonomo l’ordine delle località da visitare; iniziate il vostro viaggio con qualche notte a Rio de Janeiro, per poi proseguire con Salvador de Bahia, una delle mete più note e ricche di fascino del Brasile. Infine, le mitiche cascate di Iguazu, una tra le 7 meraviglie naturali al mondo, situate al confine tra Argentina, Brasile e Paraguay; meta imperdibile per un viaggio in Brasile.

Scarica il programma


1°: SALVADOR DE BAHIA
Giornata a disposizione.
Fondata nel 1549 sulle alture della “bahia de todos os santos” (baia di tutti i santi) per proteggersi da eventuali attacchi, fu la prima capitale brasiliana, il primo porto coloniale e la prima città del nuovo mondo. Salvador è esempio di città rinascimentale urbana con la parte alta dove si concentrano gli edifici amministrativi e residenziali e la parte bassa dove si svolgono la maggior parte le attività commerciali. Il cuore storico della città è il Pelourinho, Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal 1985, il centro coloniale più bello dell’America Latina, con stradine acciottolate dove si affacciamo edifici coloniali dai colori pastello e imponenti chiese barocche coloniali. Passeggiando per le viuzze si scopre l’anima africana della città dove i riti del “candomblè” si mescolano con la “capoeira” e l’orgoglio nero si esprime a ritmo della musica “axè”.
Pernottamento a Salvador de Bahia
Pasti: pranzo e cena liberi
Località: SALVADOR DE BAHIA


2° GIORNO: SALVADOR DE BAHIA
Giornata a disposizione.
Si consiglia: visita del centro storico di Salvador e proseguimento per la visita panoramica della città
Pernottamento a Salvador de Bahia.
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi .
Località: SALVADOR DE BAHIA


3°GIORNO: SALVADOR – FOZ DO IGUACU
Partenza per Foz Do Iguacu (volo non incluso)
Pernottamento a Foz Do Iguacu.
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi.
Località: SALVADOR DE BAHIA / FOZ DO IGUAZU


4° GIORNO: FOZ DO IGUACU
Giornata a disposizione.
Si consiglia: visita al parco Nazionale di Iguacu, dichiarato patrimonio Naturale dell’Umanità dall’Unesco, è una delle meraviglie naturali del pianeta. La parola Iguazu in lingua guaranì significa “ grande acqua” . La visita delle cascate è un incredibile spettacolo del fiume che si tuffa da un anfiteatro semicircolare formando 275 cascate per circa 2.700 metri. I sentieri del parco sono circondati da una rigogliosa giungla habitat di numerose specie di uccelli, farfalle e mammiferi. Dalle passerelle e dai belvederi si possono ammirare le cascate da varie angolazioni. Assolutamente da non perdere la visita della Gargante del Diablo dove la forza dell’acqua crea una nube di vapore iridescente.
Pernottamento a Foz do Iguacu.
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: FOZ DO IGUAZU


5° GIORNO: FOZ DO IGUACU – RIO DE JANEIRO
Partenza per Rio De Janeiro (volo non incluso)
Pernottamento a Rio de Janeiro
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: FOZ DO IGUAZU / RIO DE JANEIRO


6° GIORNO: RIO DE JANEIRO
Giornata a disposizione.
Si consiglia: trasferimento alla stazione di Cosme Velho e partenza con un treno a cremagliera che attraversa la fitta foresta atlantica del Parco Nazionele Tijuca fino ad arrivare alla base della statua del Cristo Redentore. Considerata una delle nuove sette meraviglie del monda per l’incredibile vista della città, della foresta e l’incantevole baia di Guanabara.
Pernottamento: Rio De Janeiro.
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: RIO DE JANEIRO


7° GIORNO: RIO DE JANEIRO
Giornata a disposizione.
Si consiglia: trasferimento a Praia Vermelha e partenza in teleferica per la vetta del Pan di Zucchero. La prima tappa raggiunge la cima delle montagna di Urca da cui si potrà osservare la statua del Cristo che domina la città, il ponte di Niteroi e la baia. La seconda raggiunge la sommità della collina offrendo una delle più belle visie di Rio de Janeiro.
Pernottamento a Rio de Janeiro.
Pasti: prima colazione in hotel pranzo e cena liberi
Località: RIO DE JANEIRO


8° GIORNO: RIO DE JANEIRO
Check out.
Fine dei servizi
Pasti: prima colazione in hotel
Località: RIO DE JANEIRO


QUOTE A PERSONA (minimo 2 persone)

BRASILE ZAINO IN SPALLA

8 giorni / 7 notti

dal 01/11/2019 al 31/12/2020
minimo 2 persone
 
quote a persona in camera doppia da €450

Quota voli intercontinentali e interni su richiesta.
Le quote comprendono:

  •    pernottamenti in hotel di categoria superior
  • Assicurazione medico/bagaglio (massimale spese mediche €10.000, bagaglio €500)

Le quote non comprendono:

  •     voli intercontinentali
  • Voli interni
  •     pasti/cene non indicati
  •     bevande ai pasti
  •     extra in genere
  •     mance
  •     Assicurazione annullamento facoltativa 4% del valore del viaggio

BRASILE – INFORMAZIONI UTILI


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L’INGRESSO DEL PAESE
Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi e almeno due pagine libere al momento dell’ingresso nel Paese, con una permanenza non superiore a 90 giorni nell’arco di 180 giorni a contare dalla data della prima entrata in territorio brasiliano. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Visto d’ingresso: per viaggi d’affari/turismo non è necessario richiedere il visto. All’ingresso nel Paese la Polizia Federale locale appone sul passaporto un timbro di entrata che permette fino a 90 giorni a semestre di permanenza. Per viaggi d’affari/turismo le autorità brasiliane richiedono il possesso del biglietto aereo di andata e ritorno.

Formalità valutarie e doganali: le somme importate che superano i R$ 10.000,00 (approssimativamente 2.900 (Euro) vanno dichiarate su apposito formulario all’entrata nel Paese. Il cambio è libero e si effettua senza problemi presso gli sportelli di cambio, presenti anche nei maggiori alberghi e presso le agenzie bancarie.

Viaggiatori con animali domestici (cani e gatti):
Per l’ingresso di cani e gatti in Brasile è necessario essere in possesso del Certificato Zoosanitario Internazionale (CZI). La validità del CZI è 10 giorni scaduti i quali l’animale non potrà più essere introdotto nel Paese
Nel caso in cui il CZI non indichi dettagliatamente la data di vaccinazione antirabbica, il proprietario dovrà produrre anche l’attestato di vaccinazione antirabbica. Ai sensi del Decreto 21/08/2009 n° 6946, non occorre la legalizzazione del Consolato del Brasile in Italia sul CZI emesso dalle autorità italiane competenti.

FUSO ORARIO
Varia secondo l’andamento dell’ora ufficiale nei diversi Stati della Federazione. Orientativamente, nelle principali città (Brasilia, Rio de Janeiro, San Paolo, Porto Alegre, Curitiba, Fortaleza e Belo Horizonte) la differenza di orario con l’Italia è: dal mese di ottobre a febbraio di -3h; nel mese di marzo di – 4h; dal mese di aprile ad ottobre di -5h rispetto all’Italia. In Brasile ci sono quattro fusi orari che vanno dall’Arcipelago di Fernando de Noronha (estremo est) ai confini con il Perú.
LINGUA
Portoghese (luso – brasiliano)
RELIGIONE
La confessione più diffusa è il cattolicesimo. Sono presenti, inoltre, chiese protestanti e numerose sette evangeliche e, come caratteristica tipica del Brasile, sono diffusi culti e pratiche religiose che uniscono elementi di tradizione cristiana a quelli di tradizione africana (principalmente nel Nord Est del Paese ed in particolare nello Stato di Bahia).
MONETA
Real
TELFONIA
Prefisso per l’Italia: 00 (inserire il prefisso dell’operatore brasiliano: 21, 15, 41, 17, 14) 39
Prefisso dall’Italia: dall’Italia 0055 più il prefisso della località brasiliana senza lo zero.
Le reti GSM e TDMA sono disponibili nella maggior parte degli stati del Brasile. Telefoni mobili e da vettura: proibito l’uso del telefono cellulare durante la guida.  Nelle principali città sono inoltre diffusi i sistemi 3G e 4G.
CLIMA
Il clima brasiliano ha una grande varietà di condizioni atmosferiche, vista la ricca e variegata topografia del suo territorio, comunque si può considerare che la maggior parte del paese ha un clima tropicale. Le diverse condizioni climatiche producono diversi ambienti: a nord il clima è tropicale con temperature alte durante tutto l’anno e precipitazioni abbondanti, anche se nella regione nord-orientale esiste un clima semi arido con temperature elevate e poche precipitazioni. Nella fascia costiera meridionale il clima è caratterizzato da precipitazioni contenute e inverni miti. Sugli altopiani centro-orientali il clima è subtropicale, le temperature variano a seconda dell’altitudine, in questa zona i periodi di siccità sono frequenti e si ritiene che il loro aumento sia dovuto al prosciugamento dei cosiddetti “fiumi volanti” che sono ora al centro di un progetto che studia il fenomeno, il Flying Rivers Project. La zona sud-occidentale degli altopiani è caratterizzata da forti precipitazioni, e la zona sud-orientale ha un clima variabile. Nella foresta amazzonica si incontra un clima equatoriale umido, rendendo quest’area una delle più piovose della Terra. Il clima equatoriale presente in Amazzonia e nella regione del Mato Grosso ha temperature mediamente elevate, comprese tra i 27 e i 32 gradi centigradi. La zona centrale presenta un clima tropicale con un inverno secco e un’estate molto piovosa. Le regioni al di sotto del Tropico del Capricorno hanno un clima temperato, e la differenza tra le stagioni più che dalle precipitazioni è provocata dalla differenza di temperatura. In questa zona le temperature medie annuali non superano i 18 °C, inoltre, non sono rare le gelate notturne nei periodi più freddi, soprattutto sui rilievi, anche se raramente si hanno precipitazioni nevose

VACCINAZIONI OBBLIGATORIE:
Le autorità sanitarie nazionali brasiliane raccomandano di effettuare la vaccinazione contro la febbre gialla ai viaggiatori di età superiore a  9 mesi che  si recano nelle seguenti aree: l’intero territorio degli Stati Federali di Acre, Amapá, Amazonas, Distrito Federal, Goiás, Maranhão, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Minas Gerais, Pará, Rondônia, Roraima e Tocatins, Espírito Santo; tutti i municipi localizzati nell’ovest e nel sud di Bahia, nel sud del Piauí, nel nord-ovest di São Paulo e nell’ovest del Paraná, di Santa Catarina e del Rio Grande do Sul; tutti i municipi localizzati nel nord dello Stato che si trovano al confine con gli Stati Minas Gerais e Espírito Santo.

RIO DE JANEIRO
Anche se Brasilia è la capitale del Brasile, la città più conosciuta di questo stato del Sud America è senza ombra di dubbio Rio de Janeiro, nota in tutto il mondo per la celebre statua di Cristo che dal monte Corcovado sorveglia la città, per le sue spiagge rinomate, come Copacabana e Ipanema, e per il suo colorato, sexy e divertente carnevale a ritmo di samba.
È una città di incredibile bellezza e assolutamente di enormi dimensioni, tant’è è vero che è impensabile poterla visitare a piedi, senza imbattersi in quartieri non consigliati o senza camminare ore per passare da un luogo di interesse storico a un altro. Ma non demoralizzatevi, è possibile contare su una buona rete di trasporti che vi consentirà di visitare i luoghi migliori di questa città.
Il nome Rio de Janeiro è da collegare al fatto che quando quest’area venne scoperta da un gruppo di esploratori portoghesi guidati da Amerigo Vespucci nel gennaio 1501 pensarono che la baia fosse la foce del fiume e per cui la chiamarono Rio de Janeiro, che in portoghese significa fiume di gennaio.
Rio de Janeiro è una città quanto mai varia, oltre al suo centro storico attraversato dal suggestivo acquedotto romano, i quartieri costieri di São Conrado, Leblon, Ipanema, Arpoador, Copacabana, Leme, Botafogo e Flamengo con le loro belle spiagge, vanta infatti anche percorsi diversi che vi consentiranno di conoscere un altro lato di Rio. Come le favelas, ovvero la Rio povera o quella naturalistica, immersa nel verde, grazie alla presenza del più grande parco urbano del mondo, ovvero il Parco Nazionale di Tijuca.
Se c’è una cosa di cui potete star certi è che a Rio de Janeiro non potrete annoiarvi. Il clima è tendenzialmente tropicale, contrassegnato da pioggia e umidità. L’estate va da dicembre a marzo, è calda e a tratti incredibilmente afosa: le temperature vanno dai 25 ai 40 gradi. L’inverno è altrettanto caldo, con temperature che si stanziano tra i 20 e i 30 gradi che consentono di andare in spiaggia. E allora, che aspettate, controllate le offerte: Rio con il suo clima e la sua atmosfera di festa è pronta a ospitarvi.
Cosa visitare a Rio de Janeiro
Il Corcovado e la statua del Cristo Redentore: due sono le cose che tutto il mondo conosce di Rio de Janeiro. La prima è legata a un evento ovvero al suo colorato e seducente carnevale, la seconda invece è il simbolo della città, la Statua del Cristo Redentore collocata sul Corcovado, un picco raggiungibile con il Trem do Cordovado. A 700 metri di altezza si trova questa statua con vista su Rio è assolutamente senza paragoni. Dai piedi del Cristo è possibile cogliere tutti i quartieri in cui suddivisa la città stessa, dalla baia che divide Rio dalla vicina Niterói alla foresta del parco Nazionale di Tijuca, dalla spiaggia di Botafogo alla sagoma del Pan di Zucchero.
I picchi e le colline: oltre al già nominato Corcovado esistono altri due promontori importanti: il primo è quello conosciuto come Pan di Zucchero (Pão de Açúcar), così chiamato per la sua gobba che si affaccia sul mare. Da questo punto è possibile ammirare una bellissima vista panoramica su Rio, seconda solo a quella che vi si presenta ai piedi del Cristo del Redentore. La seconda montagna è Pedra da Gavea di São Conrado, che costituisce con i suoi 842 metri di altezza il picco più alto: da qui è possibile praticare il deltaplano.
Il centro: nelle vicinanze dell’Avenida Rio Branco e della Praça Floriano, la piazza più importante dell’intera città, si estende il centro storico di Rio de Janeiro, pieno di moltissimi edifici che vale la pena visitare, dalla Camara Municipal alla Biblioteca Nacional, dalla Chiesa di Calendalaria alla Cattedrale moderna, dal Teatro Municipal al Museo Nacional de las Belas Artes. Da non perdere l’ex acquedotto in stile romano oggi trasformato in un viadotto tranviario: il tram giallo chiamato “Bonde” attraversa questa zona, partendo dalla stazione, passando per la nuova Cattedrale e raggiungendo l’acquedotto Arcos da Lapa, un altro dei monumenti simbolo di questa città brasiliana. Un’unica nota: sconsigliato a chi soffre di vertigini il giro sul tram giallo che attraversa l’acquedotto. I tram sono aperti e il viadotto è alto e senza parapetti.
Quartiere di Santa Teresa: edifici storici coloniali, architettura prevalentemente spagnola caratterizzano questo quartiere di Rio de Janeiro, situato tra il centro e la zona sud della città.
Carioca: è un’area pedonale (raggiungibile con la metropolitana) caratterizzata, oltre che dai migliori bar di tutta Rio, anche da alcuni importanti monumenti, come Palazzo Petrobas e la Cattedrale Metropolitana, con le sue quattro vetrate di oltre 60 metri di altezza e i suoi giochi di luce. Suggestivi anche i grattacieli e gli enormi edifici che sovrastano questa parte della città.
Sanbodromo: è’ il viale predisposto per le sfilate del famoso carnevale di Rio: con le sue gradinate è il posto dove si esibiscono le migliori scuole di samba.
Spiagge: da non perdere le belle spiagge di Rio, i luoghi perfetti per praticare sport (come beach volley e football) e per conoscere la gente del posto. Tra le spiagge più conosciute ci sono: Vermelha con la sua sabbia rossa, Urca, Flamengo, Botafogo e Leme. Da non dimenticare poi Capocabana, un po’ fuori rispetto al centro, ma senza ombra di dubbio la più famosa e nota di tutta la città. Tra le spiagge più vip si nomina invece Ipanema.
Le favelas: moderna a tratti, poverissima in altri: è così che si può descrivere Rio. Ecco perché non deve stupire che ci siano favelas, ovvero baraccopoli, alloggiate in diversi punti della città, come alle pendici delle colline. La Favela da Rocinha è la più grande di tutto il Sud America.
Parco di Tijuca: questo Parco Nazionale si estende per oltre 3mila ettari e per questo rappresenta il più grande parco urbano di tutto il mondo. E’ possibile ammirare sentieri, cascate, grotte, oltre a monumenti come la Capela Mayrink completamente immersa nel verde: una visita a questo parco è assolutamente imperdibile per comprendere la natura tropicale di Rio. Le zone di questo parco più note sono la Pedra da Gavea, il morro (collina) del Corcovado e il Pico de la Tijuca altro oltre mille metri. Le cascate da non perdere sono Cascatinha Taunay e la Cascata Gabriela.
Stadio Maracanà: gli appassionati di calcio non possono fare una tappa in questo stadio, uno dei più grandi di tutto il mondo.
I dintorni di Rio de Janeiro: se avete giorni a disposizione ricordatevi che tanti sono i luoghi di interesse che sorgono vicino a Rio: si va da Niterói, “Cidade irmã”, ovvero città sorella di Rio, situata a soli 20 chilometri di distanza e raggiungibile via mare dove potrete ammirare le belle opere esposte nel Museo di Arte Contemporanea; a Petropolis, a quasi una settantina di chilometri dove si trova la vecchia residenza estiva dell’Imperatore Pedro II, la Cattedrale São Pedro de Alcântara, la Casa di Santos Dumont (l’inventore dell’orologio da polso) e il Palazzo della Principessa Isabella. E ancora Teresópolis (a 80 chilometri) con le sue belle vie, il suggestivo villaggio di pescatori Búzios (a 186 km) e la baia Angra dos Reis (a 150 km).
SALVADOR DE BAHIA
Capitale del Brasile fino al 1763 e oggi dello stato di Bahia, Salvador è situata a nord est del Brasile ed è uno dei centri con maggiore popolazione. Tradizioni popolari e colorato folklore sono gli elementi che contraddistinguono la sua anima, così come il predominante stile coloniale.
Un tour fra le strade di Salvador permette di immergersi nei suoi angoli più suggestivi, come il cuore della città alta conosciuto con il nome di Pelourinho. Fra dinamiche stradine ed edifici colorati nel quartiere storico Pelourinho si fa un salto indietro nel tempo. L’architettura coloniale è talmente caratteristica da essere stata riconosciuta come Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’Unesco. Palazzi, case storiche, chiese come quella dedicata a San Francesco e monumenti: in questa zona si trova il cuore dell’architettura barocca dell’intero Brasile.
Pelourinho si può raggiungere facilmente grazie al comodo e storico Elevador Lacerda dal quale si gode di una vista magnifica. Chi è più attirato dalla cultura coloniale può anche soggiornare in questa zona, in una antica dimora in stile portoghese oppure in uno dei primi e storici hotel del Brasile, Convento do Carmo costruito nel 1586 e oggi edificio esclusivo ed elegante.
Il quartiere Pelourinho è l’ideale anche per una magica serata brasiliana con Moqueca de Camarao per cena (un piatto a base di gamberi tipico di Bahia) e passeggiata in Largo do Pelourinho.
Partendo da Pelourinho di sicuro interesse è anche la visita della Praça Castro Alves, luogo di incontro citato anche da Caetano Veloso in un suo celebre testo. Situata alla fine della Avenida Sete de Setembro, la piazza Castro Alves offre uno scorcio su tutta la Baia de Todos os Santos. Da lì è poi possibile raggiungere il Teatro Castro Alves, molto attivo per quanto riguarda gli eventi musicali e la danza, e il Forte de São Pedro costruito nel 1627 come sistema di difesa e dichiarato patrimonio storico dello Stato nel 1957. Attualmente, dopo la restaurazione, è stato aperto al pubblico grazie al progetto volto alla rivitalizzazione del centro storico di Salvador.
Con una camminata si raggiunge anche uno dei punti di riferimento per le navi in navigazione sull’Atlantico dirette a Salvador. Si tratta di una delle mete turistiche per eccellenza: il Farol da Barra, detto anche Farol de Santo Antônio. Simbolo della città di Salvador si trova proprio all’estremità della Baia de Todos os Santos e accoglie anche il Museo Náutico da Bahia. Con i suoi oltre 20 metri di altezza il Farol da Barra permette una vista panoramica mozzafiato, offrendo al visitatore la possibilità di scrutare dall’alto la splendida baia e di volgere lo sguardo anche verso la maestosità dell’Oceano Atlantico.
Il Farol da Barra è stato costruito nel 1698 a seguito di un triste naufragio e rappresenta il primo faro del Brasile e il più antico di tutto il continente. Nel 1832 il faro è stato sostituito con uno prodotto in Inghilterra, senza però perdere il suo fascino e la sua storia.
A Salvador il culto risente di una forte impronta africana. Una delle religioni più diffuse in questa zona, e spesso affiancata ad altre dottrine più tradizionali, è il Candomblé, che professa la perfetta armonia e l’equilibrio fra uomo, società e natura.
Nelle strade e nelle piazze di Salvador inoltre è molto facile imbattersi in danzatori spontanei che si mettono in mostra nei movimenti snodati della capoeira, arte marziale nata dall’incontro fra la cultura africana e quella brasiliana.
Anche il lago artificiale di Dique do Tororó rappresenta un’altra espressione della cultura afro-brasiliana. Qui infatti è possibile ammirare le splendide Orixás, divinità africane e manifestazione di Dio nell’universo a cui Tatti Moreno, uno degli artisti più conosciuti in Brasile, ha dato forma in sculture che sembrano camminare sull’acqua.
Per quanto riguarda il clima Salvador è una meta piacevole dove recarsi tutto l’anno, le temperature non scendono mai sotto i 19 gradi e il periodo più fresco si registra in luglio, quando le massime toccano i 26 gradi. Il momento migliore per una vacanza di mare e relax a Salvador è da novembre a marzo, con punte di 31 gradi a gennaio e febbraio.
Sono davvero tante le attrazioni di Salvador, come la Chiesa e il Collegio Órfãos de São Joaquim, pregiata costruzione iniziata nei primi del 1700 e diventata negli anni un punto di riferimento per accogliere e formare i giovani svantaggiati. Vi sono poi il Mercado Modelo, dove fare due passi fra oggetti tipici dell’artigianato brasiliano, e la Feira de São Joaquim tradizionale luogo di incontro e di scambio commerciale.
Di sicuro interesse anche le chiese di Nossa Senhora dos Mares e Nosso Senhor do Bonfim, il quartiere di Vitoria e quello di Humaitá, dove il panorama su Salvador è emozionante.
Anche a Largo do Campo Grande si respira tutta la storia di Salvador. La piazza, un tempo pascolo per gli animali, è diventata la cornice del più grande e solenne carnevale del mondo, il Carnaval da Bahia che negli anni ha dovuto però cedere lo scettro a quello di Rio de Janiero.
Salvador con le sue stradine e il suo fascino è da sempre fonte di ispirazione anche per i musicisti. Fra questi alcuni nomi celebri come il già citato Caetano Veloso, João Gilberto chitarrista e cantante che si esibì per diverso tempo nei locali della città, e Gilberto Gil la cui musica è un caleidoscopio di influenze dal reggae al genere afro.

Dove vuoi andare?

I dati inseriti saranno utilizzati unicamente per rispondere alla vostra richiesta (EU 679/2016)


*Campi Obbligatori

Back To Top