fbpx skip to Main Content

La Thailandia offre una vasta gamma di esperienze mozzafiato per visitatori di ogni tipo. Non solo patrimoni naturali ma anche culture diverse, splendide radizioni, ospitalità e persone accoglienti e cortesi. Questi elementi essenziali sono quelli che meglio ritraggono la natura del turismo in Thailandia. Il nostro itinerario prevede la visita delle località più importanti, come la capitale Bangkok e i centri turistici del nord Chiang Mai e Chiang Rai, collegate con un comodo bus di linea.

Scarica il programma


PRIMO GIORNO: BANGKOK
Arrivo all’aeroporto di Bangkok . Formalità doganali. Trasferimento libero in hotel. Check in e pernottamento.
Pasti: cena libera.
Località: BANGKOK

SECONDO GIORNO: BANGKOK
Giornata a disposizione.
Si consiglia: Visita al Royal Grand Palace con il celebre Wat Phra Kaew (Tempio del Buddha di smeraldo)
La parte visitabile del Royal Grand Palace include le costruzioni principali che si trovano al suo interno: il Palazzo Montien, il Palazzo Chakri e il Palazzo Dusit. Di questi, il Palazzo Chakri è visitabile solo esternamente. Il Dusit ed il Montien sono occasionalmente visitabili anche all’interno (non garantito tutti i giorni – sospeso in alcuni periodi dell’anno).
Wat Pho, il monastero Buddista più antico della città e noto per custodire all’interno del proprio “Wihan” una gigantesca statua del Buddha reclinato. Qui si trova anche la sede della più antica scuola di massaggi Thai.
Wat Benjamabophit, noto come il “Tempio di Marmo” ed edificato nel corso del XIX secolo dal Re Rama V. Il Tempio di Marmo è oggi considerato come la più alta espressione artistica della città, con elementi architettonici che fondono l’arte orientale con lo stile occidentale.
Pernottamento a Bangkok .
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: BANGKOK


TERZO GIORNO: BANGKOK – SUKHOTHAI
Giornata a disposizione.
Si consiglia: visita della località di Damnern Saduak, nella provincia occidentale di Ratchaburi a circa 100 km da Bangkok.
Qui si trova uno dei luoghi turistici più celebrati e visitati della Thailandia: l’omonimo Mercato Galleggiante.
Breve breve crociera lungo i canali rurali esterni al mercato fino a giungere al canale principale che ospita il pittoresco mercato. Qui graziose e tipiche imbarcazioni in legno trasportano esotiche mercanzie dai colori variopunti formando un complesso ed intricato viavai. Le mercanti indossano un tipico copricapo formato dall’intreccio di grandi foglie di palma e trattano di tutto: dalla saporita frutta tropicale, all’artigianato locale, alle bevande rinfrescanti come il latte fresco della noce di cocco.
Volo per Sukhotai.
Pernottamento a Sukhotai.
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: BANGKOK / SUKHOTHAI


QUARTO GIORNO: SUKHOTAI -CHIANG MAI
Giornata a disposizione.
Si consiglia: visite al Parco Storico di Sukhothai al cui interno si trovano le rovine dei templi Wat Mahathat, l’imponente tempio del palazzo Reale, quindi il grazioso Wat Sa Sri ed il Wat Sri Sawai, preesistente al regno di Sukhothai ed inizialmente dedicato al culto induista.
Fuori dalle mura del Parco Storico la visita del Mondop Sri Chum al cui interno si cela una delle più maestose e gigantesche statue del Buddha dell’altezza di circa 15 metri.
Bus per Chiang Mai (5h)
Pernottamento a Chiang Mai .
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: SUKHOTHAI


QUINTO GIORNO: CHIANG MAI
Giornata a disposizione.
Si consiglia: visita all’antichissimo Wat Phra Singh, il cui “Bot” ed il “Wihan” sono sapientemente costruiti in legno con raffinate decorazioni. Al Wat Chedi Luang sarà infine possibile ammirare i melodiosi ed idilliaci canti serali in lingua Pali della comunità monastica ispirati al Dharma, il sacro insegnamento del Buddha. I canti si tengono alle 17:00 e si estendono per venti minuti circa. Presso il Wat Chedi Luang la cerimonia si tiene nel “Wiharn”, all’interno del quale i visitatori possono accedere mantenendo un comportamento rispettoso e contenuto. l tempio Wat Phrathat Doi Suthep, conosciuto agli occidentali come il “tempio sulla collina”. Edificato a oltre 1000m. di altitudine sull’omonimo monte che domina l’intera città, la storia del Doi Suthep è legata alla leggenda di un mitologico elefante bianco.
Visita alla fattoria delle orchidee di Chiang Mai.
A seguire si visiterà un centro artigianale presso la località di San Kampheng. Qui gli artigiani producono con mani sapienti oggetti in argento, lacche, ceramiche, sete ed i variopinti ombrelli di carta.
Pernottamento a Chiang Mai .
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: CHIANG MAI


SESTO GIORNO: CHIANG MAI – CHIANG RAI
Giornata a disposizione.
Bus per Chiang Rai (3 h)
Pernottamento a Chiang Rai .
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: CHIANG MAI / CHIANG RAI


SETTIMO GIORNO: CHIANG RAI
Giornata a disposizione.
Si consiglia: tempio Wat Rong Khun, costruzione moderna ma dal fascino antico e di vaste proporzioni. Le sue fastose sembianze attraggono l’interesse e la curiosità dei visitatori di tutto il mondo.
Proseguimento alla volta del capoluogo di provincia di Pha Yao, nota per il bel lago che si trova nel centro della città.
10:00 ca Visita del vasto complesso templare del Wat Analayo Thippayaram, sulla sommità di una collina che domina sul lago. Svariate costruzioni sacre di diversa origine e diversa ispirazione, che spaziano tra lo stile cinese, thai ed indiano, occupano una serie di piattaforme collegate tra loro da ponti e camminamenti che costituiscono una sorta di labirinto.
Pernottamento a Chiang Rai .
Pasti: prima colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Località: CHIANG RAI


OTTAVO GIORNO: CHIANG RAI – FINE DEI SERVIZI
Prima colazione in hotel.
Check out. Fine dei servizi
Località: CHIANG RAI


QUOTE A PERSONA (minimo 2 persone) partenze libere

 THAILANDIA ZAINO IN SPALLA

8 giorni / 7 notti dal 31/10/2017 al 31/10/2018
partenze liberequota a persona in camera doppiaa partire da € 450

Quota voli intercontinentali e interni su richiesta.

Le quote comprendono:

  •         pernottamenti in hotel 3 stelle
  •        Volo da Bangkok a Sukhothai
  •        Bus da Sukhothai a Chiang Mai (durata 5 h)
  •        Bus da Chiang Mai a Chiang Rai (durata 3 h)
  •        assicurazione medico – bagaglio ERV

Le quote non comprendono:

  •         voli intercontinentali
  •         pasti/cene non indicati
  •         bevande ai pasti
  •         extra in genere
  •         mance
  •         quota gestione pratica obbligatoria € 55 adulti (bambini 2-12 anni € 25) che include la polizza medico/bagaglio ERV

THAILANDIA – INFORMAZIONI UTILI


Descrizione: La Thailandia occupa il cuore centrale della penisola indocinese confinando a Nord-Ovest con il Myanmar (ex Birmania), a Nord-Est con il Laos ed a Est con la Cambogia e parte della penisola di Malacca, confinando a Ovest con il Myanmar ed a Sud con la Malesia. E’ bagnata da due mari: a Sud-Ovest dal Mare delle Andamane (propaggine orientale dell’Oceano Indiano) e a Sud-Est dal Golfo di Thailandia, parte del Mar Cinese Meridionale. Il Golfo di Thailandia si spinge fin verso il cuore centrale del Paese (Baia di Bangkok) e fino alle sue propaggini Orientali (confini con la Cambogia) La Thailandia si estende latitudinalmente dal 20° 3′ al 5,8 parallelo nord per una lunghezza complessiva di oltre 2000 km e longitudinalmente dal 97 al 106 meridiano est.
La Thailandia è verticalmente percorsa ad occidente dalla propaggine montuosa della catena Himalayana che crea un confine naturale aspro e accidentato con il Myanmar (anche se con rilievi non eccessivamente elevati) e proseguendo per tutta la Penisola Malese. La altitudine più elevata del Paese viene raggiunta dalla vetta del Monte Doi Inthanon a quota 2575 Mt, all’interno dell’omonimo Parco Nazionale, nella provincia settentrionale di Chiang Mai. La parte centrale del Paese è invece costituita dalla pianura alluvionale dei quattro principali fiumi della Thailandia (il Wang, lo Yom, il Ping ed il Nan) che scendendo dalle montagne verso sud si riuniscono a formare il Chao Praya, il fiume di Bangkok, denominato il “Fiume dei Re”. Un’altro importantissimo fiume che tocca il Paese è il Maekhong, uno dei grandi fiumi asiatici, che scendendo verso Sud dallo Yunnan (Cina), segna l confine tra Laos e Birmania prima di incontrare il territorio thai in coincidenza del “Triangolo d’Oro”. Prosegue quindi segnando per un breve tratto il confine a Nord – est tra Laos e Thailandia prima di gettarsi nel cuore dello stato Laotiano e da qui di nuovo a segnare il confine tra i due Paesi per un lungo tratto. Il Nord Est della Thailandia invece, denominato “Isaan”, è costituito da una vasto altopiano che scende verso il confine con il Laos e termina a Ovest in concomitanza con l’aspro rilevo del monte Khao Yai, dove nel 1962 è stato creato il primo Parco Nazionale del Paese e ad oggi ancora il più importante.

Notizie generali
Superficie: circa 514.000 Kmq
Abitanti: circa 62.000.000
Lingua: Thai. Nelle aree di interesse turistico internazionale la lingua inglese è molto comune
Religione: Buddhista 95%.
Importanti minoranze musulmane sono concentrate nelle province più meridionali del Paese (soprattutto a Pattani, Yala e Narathivat).
Nel Paese sono presenti anche minoranze cristiane (soprattutto a Bangkok e nell’est del Paese) e confuciane
Moneta: Thai Baht.
Forma di governo: Dal 1932 la Thailandia (Regno di Thailandia) è una Monarchia costituzionale con un parlamento eletto dal popolo
Capitale: Bangkok (in lingua Thai denominata “Krungthep”).
Il nucleo centrale della città ha circa 7 milioni di abitanti.
L’area metropolitana supera i 15 milioni di abitanti

Clima: Grazie alla estesa espansione in latitudine, la Thailandia viene interessata da una moltitudine di diversi climi che spaziano dal clima di carattere sub tropicale delle regioni del centro e del nord, dove si distinguono 3 diverse stagionalità che variano dalla calda alla umida e fino alla fresca fino ad un clima tipicamente equatoriale delle fasce più meridionali del Paese, dove scompare la stagione fresca per far spazio ad un clima caldo o molto caldo per tutto l’arco dell’anno, a sua volta separato in stagione secca e stagione umida. Relativamente al regime delle piogge, la Thailandia può approssimativamente essere suddivisa in 3 diverse regioni. La prima è costituita dal centro e dal nord del Paese, dove domina il regime di piogge zenitali. Le piogge sono cioè concentrate in maggior misura nei periodi immediatamente seguenti il passaggio del sole allo zenit. A Bangkok e nella zona centrale, occidentale ed orientale pioverà quindi con maggiore insistenza a fine maggio – giugno e nuovamente a settembre e fino all’inizio di ottobre mentre i mesi racchiusi all’interno (luglio e agosto) sono caratterizzati da una stagionalità intermedia con clima sostanzialmente variabile. Al nord invece, in area oramai prossima al tropico, i due periodi di piogge vengono quasi a sovrapporsi nei mesi di luglio-agosto. Durante questo periodo, le temperature sono elevate anche se normalmente non superano i 32-34 gradi. Molto elevato invece il tasso di umidità. Limitata l’escursione termica giornaliera. Da fine ottobre fino a metà gennaio si estende la stagione fresca, con caldo secco di giorno (circa 30 gradi) e serate molto fresche e ventilate, con temperature che al nord possono scendere anche sotto i 10 gradi. Da febbraio a maggio avanzato si estende invece la stagione calda, con temperature giornaliere che possono superare anche i 40 gradi e tasso di umidità moderatamente elevato. Scarsa l’escursione termica tra il dì e la notte. La seconda area è costituita dalla costa sud-occidentale che si affaccia al mare delle Andamane. Questa regione è interessata dai venti monsonici del Golfo del Bengala ed il regime di piogge è quindi nettamente distinto in un periodo secco che si estende da metà dicembre a fine aprile ed un rimanente periodo di piogge intense e copiose. Come detto in questa fascia climatica prossima all’equatore viene a scomparire la stagione fresca e le temperature sono costantemente alte o altissime per tutto l’arco dell’anno. Notevolmente alto anche il tasso di umidità. Con la stagione monsonica anche il mare è mosso o molto mosso. E’ comunque necessario specificare che dall’inizio delle piogge fino a circa la fine di luglio o inizio di agosto, le precipitazioni non raggiungono il loro massimo regime. La terza ed ultima area riguarda il Golfo di Thailandia, condizionato in questo caso dai venti tifonici provenienti dal mar cinese meridionale. Il periodo di piogge più intense è concentrato tra ottobre e metà dicembre, periodo dal quale le piogge iniziano gradatamente a calare di intensità anche se rimane presente il vento, anche piuttosto forte. Da maggio circa ha inizio un miglioramento più deciso che porta gradatamente fino alla stagione migliore per quest’area, coincidente con i mesi di luglio e agosto. Scompare completamente il vento e le piogge calano ulteriormente di intensità, anche se non scompaiono mai in modo completo.

Cucina: La cucina thailandese è famosa tra le cucine asiatiche per il perfetto mix dei cinque sapori fondamentali: dolce, aspro, salato, amaro e umami. Erbe, spezie e riso sono gli ingredienti fondamentali di quasi tutte le ricette tipiche della Tailandia, oltre al pesce ed alla carne. La tradizione culinaria della Tailandia è stata influenzata da culture differenti, tra tutte quella cinese con l’impiego del pesce ed il riso, entrambi cotti a vapore, le omelette ripiene di carne di maiale oltre all’immancabile anatra.

Informazioni utili: Prima di mettersi in viaggio

Documenti per L’espatrio

Per l’ingresso in Thailandia è necessario il Passaporto con data di scadenza posteriore di almeno 6 mesi rispetto alle date del viaggio.
Per permanenze in Thailandia inferiori ai 30 giorni non occorre alcun Visto di ingresso.
Per permanenze di poco eccedenti i 30 giorni (ma comunque inferiori ai 40) è possibile ottenere una estensione del permesso di soggiorno presso tutti gli uffici immigrazione presenti a Bangkok e nelle principali località turistiche.
In tutti gli altri casi occorre munirsi di Visto Turistico, ottenibile in Italia presso la Royal Thai Embassy di Roma o i Consolati onorari di Thailandia di Milano, Torino, Napoli e Genova.
Il Visto turistico intitola ad una permanenza in Thailandia di 60 giorni.
Per l’ingresso in Thailandia non sono richieste vaccinazioni o certificati medici ai passeggeri in arrivo dall’Italia.

Per maggiori informazioni sulle documentazioni necessarie all’ingresso ed alla permanenza nel Paese è possibile contattare la Royal Thai Embassy di Roma ai seguenti recapiti:
Via Nomentana, 132, 00162 Roma – Tel: (396) 8620-4381-2 – Fax : (396) 8620-8399
E-Mail: thai.cm.rome@pn.itnet.it

Sanità

A Bangkok e nei principali centri turistici internazionali sono reperibili validissimi ospedali (pubblici e privati) che assicurano standards di trattamenti internazionali.
I servizi di questi ospedali sono a pagamento. Consigliamo i viaggiatori diretti in Thailandia di munirsi di una assicurazione sanitaria di viaggio.

Banche, Valuta e carte di credito

In tutto il territorio l’unica moneta spendibile è il Thai Baht (THB). Anche nei centri turistici maggiori, gli esercizi commerciali non accettano alcuna diversa valuta.
Il servizio di cambio valuta è disponibile presso tutte le Banche, aperte dal lunedì al venerdì con orario continuato dalle 08:30 alle 15:30.
Nelle località turistiche internazionali sono reperibili anche sportelli di cambio (generalmente appartenenti alle varie Banche ed in alcuni casi privati e autorizzati) aperti tutti i giorni ed in alcuni casi fino a tarda sera.
Il visitatore proveniente dall’Italia potrà portare con se Euro (non occorrono Dollari USA).
Presso gli sportelli automatici (presenti in tutto il Paese) è possibile prelevare anticipi di contante con carte di credito o carte di debito abbinate ai maggiori circuiti internazionali di credito (Cirrus, Maestro e Plus i più utilizzati).
Le carte di credito sono facilmente spendibili ovunque. In alcuni esercizi commerciali vengono applicate commissioni normalmente del 3% su VISA e Mastercard o anche maggiori per la Amex.
In Thailandia non è praticato il cambio nero.

Telecomunicazioni e Internet

I visitatori provenienti dall’Italia potranno utilizzare il proprio GSM nel caso in cui siano muniti di contratto o scheda ricaricabile con autorizzazione di addebito delle chiamate su carta di credito.
In caso contrario è possibile utilizzare il servizio prepagato reso disponibile dai principali providers italiani, accessibile digitando i seguenti codici:

* 101 (per TIM; o 123 per omnitel o 124 per wind) * +39 prefisso e numero #

Non tutti gli operatori thai hanno contratti di roaming con tutti gli operatori italiani. In caso di problemi nell’utilizzo del cellulare sarà necessaria la ricerca manuale di operatori thai alternativi. In diverse remote zone del Paese il segnale GSM potrebbe essere assente. Nessun problema invece a Bangkok e nei principali centri.
Le chiamate dagli appositi telefoni pubblici internazionali thai (riconoscibili dal colore giallo) consentono costi molto convenienti e notevolmente inferiori alle tariffe disponibili con i cellulari (non dagli hotels).
Si specifica che diversamente dall’Italia, il codice di uscita dalla Thailandia è 001. Per chiamate internazionali dai telefoni thai (o dai cellulari con contratto o con autorizzazione di addebito sulla carta di credito) il codice da digitare sarà quindi

001 39 prefisso locale e numero
(oppure + 39 prefisso locale e numero)

Internet: in tutto il Paese sono numerosissimi gli internet points, con accesso a tariffe molto convenienti.

Shopping e norme doganali

La Thailandia è a ragione considerata un paradiso dello shopping.
Tra gli articoli più interessanti e convenienti citiamo vari oggetti di artigianato locale, abbigliamento, tessuti, e soprattutto i preziosi. In Thailandia si estraggono varie qualità di corindoni (zaffiri e rubini su tutti), venduti localmente a prezzi molto convenienti. E’ comunque necessario effettuare acquisti mirati e soprattutto garantiti.
In Thailandia esistono alcune importanti restrizioni agli acquisti ed esportazione. Citiamo su tutte le immagini religiose sacre, oggetti prodotti con le pelli di vari animali, coralli ed altri beni prelevati dal mare o dalle spiagge.
Per maggiori informazioni sulle normative doganali relative all’ingresso e all’uscita dalla Thailandia è possibile consultare l’apposita sezione del sito del Thai Customs Department

Per l’acquisto di alcune categorie di beni ed in particolari centri autorizzati, è possibile per il visitatore ottenere il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto (in Thailandia denominata VAT: Value Added Tax). Gli esercizi commerciali che consentono di usufruire del servizio appongono all’ingresso il cartello “VAT Refund for Tourists” ed a seguito di ogni acquisto dovranno rilasciare un certificato apposito che potrà essere presentato per il rimborso alle autorità doganali in aeroporto al momento del rientro in Italia
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del rimborso VAT per turisti del Revenue Department of Thailand

Usi e costumi

Il popolo Thai è noto al mondo per la sua estrema gentilezza, disponibilità e ospitalità nei confronti dei visitatori internazionali. E’ però bene conoscere alcuni aspetti degli usi e dei costumi dei locali al fine di rispettare alcune regole canoniche di comportamento che faranno sì da essere ancor più graditi e benvoluti.
E’ bene sapere ad esempio che i thai generalmente non amano esternare troppo vistosamente o impetuosamente le proprie emozioni e farlo può essere segno di maleducazione. Ad esempio esclamare ad alta voce, ridere sguaiatamente, assumere atteggiamenti invadenti della altrui privacy, innervosirsi o arrabbiarsi troppo animatamente sono comportamenti da evitare.
Ci sono poi alcuni movimenti ed atteggiamenti che vengono considerati quali altamente scorretti ed irriverenti, come ad esempio toccare la testa o puntare i piedi in direzione delle persone o fissare con lo sguardo.
Durante le visite a luoghi religiosi è estremamente importante togliersi le scarpe nei luoghi interni e non volgere i piedi all’indirizzo delle immagini sacre.
Il massimo rispetto va comunque portato all’indirizzo dei membri della Famiglia Reale e delle loro Residenze, all’interno delle quali è d’obbligo indossare un abbigliamento rispettoso e consono. Sono vietate le spalle e le ginocchia scoperte e le scarpe devono essere allacciate dietro la caviglia (no sandali o ciabatte). Non gradito inoltre l’abbigliamento sportivo.

Mance

In Thailandia è buona regola per il visitatore internazionale rilasciare mance negli hotels, nei ristoranti, alla Guida e all’autista dei mezzi di trasporto turistici.
Al riguardo non esiste un obbligo morale ma inadempiere a questa cortesia potrebbe apparire in alcune situazioni sgarbato o irriverente.
La mancia per il porter o per il cameriere può essere dell’ordine dei 20-50 THB a seconda del prestigio del locale. 100-200 THB al giorno circa a persona costituiscono una mancia sicuramente gratificante per gli autisti mentre mance di ordine più elevato possono essere indicate per le Guide turistiche.
Ovviamente la mancia dovrà essere rapportata al grado di soddisfazione nell’espletamento dei servizi.


LOCALITÀ RAGGIUNTE DAL TOUR

BANGKOK
Descrizione: Cuore pulsante del Paese, grazie alla sua posizione geografica centrale sul golfo di Thailandia la città di Bangkok è in posizione strategica per i collegamenti ed i flussi commerciali dell’intero Sud-Est Asiatico. Con i suoi otto milioni di abitanti ed i suoi porti ed aeroporti tra i più trafficati dell’Asia, Bangkok è una metropoli di primaria e strategica impotanza.
Il nucleo originario della città, denominato “Rattanakosin”, risale alla fine del XVIII secolo era una città murata completamente circondata da fiumi e canali artificiali tanto da costituirne un’isola. Oggi Rattanakosin è ancora uno dei quartieri di rappresentanza più importanti della città. Qui si trovano infatti il Grande Palazzo ed i templi storicamente più importanti oltre ad una serie di ministeri, residenze ed uffici diplomatici. La Bangkok moderna sorge invece più a est. Qui, giganteschi palazzi di vetro che toccano il cielo costituiscono il paesaggio di questa fitta jungla metropolitana dove la modernità avanza veloce ed inesorabile cercando di farsi largo tra la cultura e la tradizione locale che ancora mantengono una propria caratteristica ben viva e delineata. La Bangkok moderna è fatta anche e soprattutto di centri commerciali, tra i più grandi, riforniti e convenienti del mondo.
ROYAL GRAND PALACE & WAT PHRA KAEW (Tempio del Buddha di smeraldo)
La costruzione del Royal Palace, iniziata poco dopo la salita al trono del Re Rama I nel 1782, segna lo spostamento della città Capitale dalla riva destra alla riva sinistra del fiume Chao Praya e la conseguente nascita di Bangkok, dai Thai chiamata Krung Thep Maha Nakorn (città Capitale degli Angeli). I tre principali edifici che oggi possiamo ammirare al suo interno sorgono nel corso del XIX secolo. Sono il Maha Montien, il Dusit ed il Chakri Palace. Quest’ultimo in particolar modo è la costruzione stilisticamente più rilevante grazie alle vistose influenze occidentali in voga al momento: composto da un corpo architettonicamente di chiara impronta europea, è chiuso alla sua sommità da un magnifico tetto spiovente in stile tipicamente locale.
Il Wat Phra Kaew è invece il tempio della famiglia Reale. La costruzione più sacra al suo interno, il “Bot”, delimitato dalle nove pietre sacrali (“Bai Sema”) ognuna doppia ad indicare regalità, contiene al suo interno il celebre “Buddha di smeraldo”, una piccola statua che ritrae il Buddha Sakyamuni della tradizione Theravada in una posizione non convenzionale per l’arte thailandese, seduto con le gambe in “Lalisana” e le mani nella posizione della meditazione (“Dhyana Mudra”). Questa caratteristica denota una lunga storia che si cela dietro la sua realizzazione e che si perde nell’alba dei tempi, con una derivazione probabilmente dallo stile sttentrionale di Chiang Saen. Durante il cambio delle tre stagioni climatiche convenzionali della Thailandia (stagione fredda, calda e delle piogge), il Re in persona cambia il dorato abito della statua.
WAT PHO (Tempio del Buddha reclinato)
Nell’isolato attiguo al Royal Grand Palace si trova il Wat Pho, il tempio più antico, più vasto e probabilmente più importante di Bangkok. Al suo interno si susseguono una infinità di costruzioni religiose dagli stili ed ispirazioni più disparati. Il “Bot” è circondato da ben due file di mura perimetrali, i portici di ognuna delle quali sono arricchiti da una lunga esposizione di statue del Buddha Sakyamuni di vari stili e provenienze. Dietro a questo complesso sono invece dislocati quattro stupa di notevoli dimensioni, dotati di pianta a croce tipica dell’antichissimo stile di Sukhothai e ricoperte da raffinate ceramiche a mosaico. Il Wat Pho è però famoso tra i visitatori internazionali soprattutto per l’enorme Buddha dorato scolpito nella posizione sdraiata sul fianco destro e della lunghezza di quasi 50mt che raffigura il Buddha nel momento della morte e della dipartita dal mondo terreno per raggiungere il Parinirvana, episodio storico avvenuto nella città indiana di Kushinagara all’età di 80 anni. Nell’antichità il Wat Pho non era solo un tempio ma una vera e propria università buddista. Qui ad esempio era contenuta la più grande raccolta di libri del Regno, creata dal Re Rama III e purtroppo andata perduta in un incendio. Rimane però ancora la famosa scuola di massaggi ai quali corsi partecipano anche molti studenti internazionali.
WAT BENJAMABOPHIT (Tempio di marmo)
La storia di quello che può essere considerato il tempio stilisticamente più importante della città e probabilmente di tutto il Paese è strettamente correlata a Re Chulalongkhorn il Grande (King Rama V The Great), il Re oggi più venerato e più ricordato negli annali della storia moderna.
Considerato l’artefice del mantenimento dell’indipendenza del Siam contro le invasioni dei colonizzatori europei, Rama V ha regnato sul Siam dal 1867 al 1910.
Nel 1899, pochi anni prima della sua morte, Rama V ordinò la costruzione di questo sontuoso e spettacolare gioiello stilistico che diverrà la sua tomba. Le ceneri del grande Re sono infatti oggi sepolte sotto la venerata statua del Buddha “Phra Phuttachinnarat”, copia dell’originale ed omonima statua che troneggia al tempio Wat Mahathat nella città di Phitsanuloke.
Questa monumentale opera architettonica rappresenta un felice e perfettamente riuscito connubio di stili europei ed orientali in una fusione di forme, decorazioni e materiali senza precedenti.
Il sacro “Viharn” nel quale è custodita l’immagine sacra ha una particolare pianta a navate che ricorda le chiese cristiane. L’assonanza con lo stile europeo è ancora più percepibile ammirando la finestre del Viharn stesso: non sono infatti chiuse dalle caratteristiche ante in legno dipinto che troviamo in ogni altro tempio dell’epoca bensì, caso unico e non rintracciabile altrove nel Paese, da stupendi vetri abilmente e sapientemente lavorati. Ma al Wat Benjamabohpit c’è anche un pò di Italia: il tempio è infatti interamente rivestito di marmo di Carrara e da qui il nomignolo per i turisti internazionali di “tempio di marmo”.
Non dobbiamo infine dimenticare l’estesa collezione di statue del Buddha provienti da ogni Paese buddista e di ogni epoca. La collezione è esposta lungo la galleria che percorre il muro di cinta.

CHIANG MAI
Descrizione: Fulcro economico e sociale dell’intero Nord, capitale del Regno di Lanna per oltre cinque secoli, la città di Chiang Mai è un punto di riferimento fisso ed imperdibile per chi visita la Thailandia. Sede oggi di più di due milioni di abitanti, la città fu fondata dal Re Mengrai il Grande nel 1296. Il nucleo storico era racchiuso all’interno di possenti mura perimetrali a pianta quadrata che contenevano i templi e gli edifici più rilevanti.
Tra questi il “Wat Phra Singh”, risalente all’inizio del XIV secolo, presenta due edifici di bellezza incommensurabile e dalla caratteristica ed unica struttura in legno sapientemente decorato ed impreziosito da inserti in oro. Il “Bot” contiene una veneratissima piccola statua del Buddha ricoperta in oro mentre il “Vihan” è la sede di una statua di ben più larghe dimensioni. Al fianco di questi si trova la pagoda campaniforme funeraria del Re Mengrai. Importante anche l’antica biblioteca dei monaci per le sue splendide decorazioni delle pareti esterne.
Il “Wat Suan Dok” è invece un tempio funerario le cui bianche pagode si susseguono su un’area molto estesa.
Di mastodontiche proporzioni era il “Wat Chedi Luang”, la cui pagoda campaniforme (Chedi) raggiungeva un’altezza ragguardevole ma è oggi parzialmente distrutta a causa di un terremoto.
Esternamente alle mura della città si trova invece un tempio dalle forme bizzarre ed insolite. E’ fuori dai circuiti di visita classici ma merita senza dubbio di essere raggiunto in quanto è probabilmente l’ultima testimonianza dell’antico e originario stile Lanna di un tempo. Si tratta del “Wat Jet Yot” (il “tempio dalle sette vette”) e deve il suo nome ad un edificio quadrangolare sorretto da possenti mura e sovrastato da sette pagode che si allungano verso il cielo. Molto particolari ed insolite anche le decorazioni delle mura stesse, ispirate ai “Kudu” indiani già visti anche a Sambor Prei Khuk, città pre-angkoriana dei Khmer. Il Wat Jet Yot risale alla metà del XV secolo ed è ispirato ad uno dei luoghi di culto più sacri del mondo buddista: il tempio Mahabodhi di Bodhgaya, edificato nel luogo dove il Buddha raggiunse l’illuminazione.
Clima: La stagione consigliata per visitare Chiang Mai normalmente è fra ottobre ed aprile. Le temperature più delicate le troviamo in dicembre ed in gennaio. Le notti in Chiang Mai sono relativamente fresche.
Posizione: Chang Mai si trova nel nord della Thailandia, a circa 800 km. a nord di Bangkok.

CHIANG RAI
Descrizione: Chiang Rai è una piccola ma attraente città, si presenta come un perfetto punto di partenza per l’esplorazione delle bellezze paesaggistiche e culturali della Thailandia del Nord.
Situata a 785 chilometri a nord di Bangkok, Chiang Rai è la capitale della regione dell’estremo nord. Situata a quasi 600 metri sul livello del mare copre un area di circa 11,700 km2, la sua provincia confina con il Myanmar a nord e con il Laos a nord-nord-est. La maggior parte del territorio è montagnoso, con cime che raggiungono 1,500 metri di altezza e nelle valli tra le montagne scorrono diversi fiumi, il più importante è il fiume Kok, vicino al quale sorge la città di Chaing Rai. All’estremo nord della provincia si trova una zona denominata ‘il Triangolo d’Oro’ dove il fiume Mekong e il fiume Ruak si incontrano e creano così la linea di frontiera tra la Thailandia, il Myanmar e il Laos. Mentre le alte montagne sono abitate da tribù come gli Akha, i Lahu, i Karen ed i Mong.
La regione possiede una lunga storia di piccoli regni che ebbero la loro origine nel periodo pre-Thai, mentre la città di Chaing Rai fu fondata nel 1262 dal Re Mengrai ed era la capitale del Regno Lanna fin quando non venne superata in importanza da Chaing Mai. Oggi, Chiang Rai è una piccola ma attraente città, si presenta come un perfetto punto di partenza per l’esplorazione delle bellezze paesaggistiche e culturali della Thailandia del Nord.
Posizione: La città di Chang Rai dista circa 800 km. a nord di Bangkok.
Clima: La stagione consigliata per visitare Chiang Mai normalmente è fra ottobre ed aprile. Le temperature più delicate le troviamo in dicembre ed in gennaio. Le notti in Chiang Mai sono relativamente fresche.

SUKHOTHAI
Descrizione: Sukhothai fu la prima Capitale del Regno del Siam. L’identificazione sociale, nazionale, la lingua, la forma di culto e le tradizioni culturali del popolo siamese nascono qui per volere del leggendario Re Ramkhameng il Grande la cui statua troneggia di fronte all’ingresso del “Parco Storico”, il cuore della città antica delimitata da ben tre fila di mura perimetrali. Il Parco si sviluppa su di una estensione immensa e la continuità creata dai suoi stupendi e suggestivi laghi ricolmi di fiori di loto viene interrotta dalle torri e dalle alte pagode degli edifici templari. Ma c’è un ulteriore fattore che fa di Sukhothai un luogo indimenticabile e che penetra il cuore: la calma e la quiete assoluta della campagna circostante, capace di trasportare il visitatore a ritroso nel tempo.
Il Museo dedicato al Re Ramkhameng sarà una tappa obbligata durante la visita dei vari Templi, tra i quali il colossale Wat Mahathat, tempio dell’antico Grande Palazzo, il Wat Sa Sri ed il Wat Sri Sawai, preesistente all’insediamento thai e originariamente dedicato alla Trinità induista.
All’esterno delle mura perimetrali si potrà infine visitare il “Mondop” quadrangolare del celebre Wat Sri Chum, contenente una statua del Buddha dell’altezza di 15 metri, ed il Wat Phra Phai Luang, edificato su una immensa superficie e contornato da canali.
Posizione: Si trova a circa 400 km. a nord di Bangkok.
Fill out my online form.
Back To Top